VAS Lombardia - Associazione Verdi Ambiente e Società ONLUS

Sei in: Home / Editoriali / VAS e FIAB al Sindaco Moratti: Milano come Praga. Costruiamo la prima BiciStazione di Milano C.le

VAS e FIAB al Sindaco Moratti: Milano come Praga. Costruiamo la prima BiciStazione di Milano C.le

Milano, 8 novembre 2007 - Grandi Stazioni spa, società controllata da FS Italia, gestisce 16 stazioni ferroviarie, di cui 3 in Repubblica Ceca. A Praga, per il piano di ristrutturazione della stazione ferroviaria, ha proposto alle associazioni la realizzazione di una BiciStazione e delle altre opere utili per favorire l’intermodalità treno + bici.

A Milano Grandi Stazioni spa e Amministrazione comunale hanno ideato e autorizzato i lavori di ristrutturazione strutturale della stazione Centrale. Nulla di significativo, però, è stato progettato per i ciclisti.

Alla vigilia dell’apertura della prima Conferenza nazionale della Bicicletta, l’associazione ambientalista VAS - Verdi Ambiente e Società e FIAB – Federazione Italiana Amici della Bicicletta chiedono che la giunta Moratti - che ha ereditato il cantiere della stazione Centrale dall’amministrazione Albertini - intervenga per realizzare la “BiciStazione MILANO C.LE”.

La stessa cosa potrà poi essere replicata alla stazione Garibaldi (gestita da Centostazioni spa), dove la recente ristrutturazione è terminata senza prendere in considerazione lo scambio intermodale treno-bici, alla stazione Rogoredo, dove sono in corso le grandi trasformazioni urbanistiche del nuovo quartiere Santa Giulia, in altre importanti stazioni FS (è in corso l’elaborazione di un accordo di programma per la riqualificazione delle aree ferroviarie dimesse) e presso i terminal di interscambio delle linee metropolitane milanesi.

“Circa 100 milioni di euro sono stati impegnati per i lavori alla stazione Centrale. Solo pochi spiccioli sono andati per qualche nuova rastrelliera.” – dichiara Marco Menichetti, responsabile dell’Osservatorio Immissioni di VAS – +“Favorire l’intermodalità e sviluppare azioni concrete a favore della mobilità ciclistica a Milano può invece avvenire solamente se si offrono le strutture e i servizi necessari di assistenza tecnica, riparazione e manutenzione, ricovero e noleggio delle biciclette nei luoghi attrattori di mobilità. La stazione Centrale, con i suoi 22 milioni all’anno di viaggiatori e i tantissimi visitatori e operatori economici che la frequentano, è il luogo ideale in cui far nascere la prima grande BiciStazione in Italia.”*

La proposta di VAS e FIAB, contenuta in una lettera inviata oggi al sindaco di Milano Letizia Moratti e all’amministratore delegato di FS Italia Moretti è quella di investire immediatamente risorse economiche e progettuali per realizzare in piazza Duca d’Aosta, entro un anno, la “BiciStazione MILANO C.LE”. Costo stimabile dell’intervento è di circa 800mila euro, per garantire poi ogni anno circa 30.000 interventi di assistenza e riparazione biciclette, 200.000 alloggiamenti e custodia biciclette, decine di pacchetti-servizi e convenzioni di bike-sharing aziendale.

VAS e FIAB si augurano che il sindaco Moratti – che si sta impegnando per promuovere una nuova immagine di Milano attenta all'ambiente e alla qualità della vita – voglia dare un segnale, anche simbolico, della rinnovata volontà di investire nella mobilità ciclistica a Milano.